Nissan GT-R da record, a 210 km/h guidata da game controller

| October 12, 2017 | 0 Comments

Nissan GT-R da record, a 210 km/h guidata da game controller. Impresa di Jann Mardenborough, vincitore di GT Academy e pilota Nismo, con DualShock 4 per PlayStation 4 sul circuito di Silverstone.
Dal videogame alla realtà, Nissan Great Britain ha realizzato una versione controllata a distanza della super sportiva Nissan GT-R /C, in occasione dell’uscita di Gran Turismo Sport (disponibile in Europa dal 18 ottobre), e per festeggiare la ventennale presenza della casa nipponica nella saga di videogiochi Gran Turismo.
La versione sperimentale della vettura è stata opportunamente modificata per essere guidata mediante un controller DualShockv4 per PlayStation 4, e per scatenare tutta la cavalleria della GT-R, è sufficiente il tocco di un pulsante o di un joystick.
La vettura con controllo da remoto è in grado di raggiungere la velocità record di 315 km/h, senza alcuna restrizione per questo modello sperimentale e, cosa ancora più sorprendente, senza pilota a bordo.
 
“Da oltre 80 anni, Nissan porta genialità e innovazione negli sport motoristici – spiegano al quartier generale – conciliando tecnologie e prestazioni per mantenere un vantaggio competitivo. Inoltre, dal 2008, Nissan rende gli sport motoristici più accessibili a tutti grazie a GT Academy, trasformando i giocatori amatoriali in piloti professionisti.
La GT-R /C è stata progettata nel Regno Unito da JLB Design Ltd., sulla base di una R35 del 2011 dotata di motore V6 standard da 542 Cv: una scelta non casuale, visto che il 2011 è l’anno in cui Jann Mardenborough ha vinto GT Academy”.
 
La GT-R /C, protagonista di questa originale impresa, è stata guidata da Jann Mardenborough, pilota sportivo del team Nismo, sul celebre circuito inglese di Silverstone dove Jann ha guidato la vettura dalla cabina di un elicottero Robinson R44 Raven II, per l’occasione autorizzato in via eccezionale a operare a bassa quota.
Mardenborough, tra tutti i vincitori di GT Academy Nissan, è quello che ha riscosso maggior successo, ed è stato scelto come primo pilota di GT-R /C per il suo ineguagliabile talento, dimostrato sia nelle sessioni virtuali di Gran Turismo, sia nelle gare automobilistiche reali.
A Silverstone, nel corso del giro più veloce (1:17:47), la GT-R /C ha fatto segnare una media di 122 km/h, raggiungendo la velocità record di 211 km/h, mentre per il circuito ad anello da 2,6 km, la media di una normale corsa con pilota a bordo è di 134 km/h.
 
Per riuscire a compiere l’impresa, la GT-R /C è stata equipaggiata con quattro robot deputati all’azionamento dello sterzo, della trasmissione, dei freni e dell’acceleratore, mentre i sei computer montati a bordo aggiornano i comandi fino a 100 volte al secondo e la posizione dello sterzo è misurata con una proporzione di 1/65.000.
I comandi vendono inviati attraverso un normale controller DualShock 4 di serie che si collega a un micro-computer in grado di interpretare i segnali provenienti dal joystick e dai pulsanti, per poi trasmetterli ai sistemi di bordo della GT-R /C e il range operativo della trasmissione wireless ha un raggio di copertura pari a un chilometro.
Inoltre, per aiutare Mardenborough a valutare la velocità del veicolo in curva, è stato installato un sensore Vbox Motorsport di Racelogic, in grado di inviare i dati relativi alla velocità su un display Lcd montato nella cabina dell’elicottero.
Oltre a questo la GT-R /C è stata dotata di due sistemi di sicurezza indipendenti, basati su radiofrequenze diverse, che consentono a due operatori di applicare la frenata con Abs e di arrestare il motore nel caso in cui Mardenborough perda il controllo del veicolo.
 
“GT-R /C ci ha posto sfide inedite, spingendoci ad adottare nuovi approcci ingegneristici – ha dichiarato James Brighton di JLB Design Ltd – Dovevamo assicurarci che i sistemi robotici funzionassero in maniera efficace durante le fasi rapide di accelerazione/decelerazione e nelle curve veloci caratterizzate da elevate forze centrifughe. Inoltre dovevamo offrire un controllo realistico e rassicurante a qualsiasi velocità e mantenere una solida connessione tra l’auto e il controller DualShock 4, a distanze variabili e con un minimo ritardo nei tempi di risposta dei robot.
Tutte queste sfide sono state vinte, ma se Jann ha imparato a destreggiarsi con il veicolo in un periodo brevissimo, registrando dei tempi davvero impressionanti, è anche merito delle sue indiscutibili doti da pilota”.
 
“È stata un’esperienza esaltante, un’emozione irripetibile – ha aggiunto Jann Mardenborough – GT-R /C ha unito i miei due mondi, la dimensione virtuale dei videogame e la realtà degli sport motoristici, in un modo che non credevo possibile. La risposta dell’auto mentre usavo il controller era molto più coinvolgente di quanto mi aspettassi. JLB Design ha fatto un lavoro incredibile in questo senso.
Sterzo, accelerazione e frenata erano configurati in maniera intelligente, consentendo il massimo controllo, perciò riuscivo davvero a sentire le curve e a mantenere la traiettoria, anche nei tratti più veloci. Guidare da remoto una GT-R di dimensioni standard lanciata a 211 km/h sul circuito di Silverstone, e seguirla contemporaneamente a bordo di un elicottero, è stata un’esperienza indimenticabile. Queste sì che sono innovazioni entusiasmanti!”.
 
Da segnalare infine che l’anno prossimo la GT-R /C sarà utilizzata per un tour nelle scuole elementari e medie del Regno Unito, per stimolare le giovani leve a intraprendere una futura carriera nei campi della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica anche se, con tutta probabilità, dopo averla toccata con mano, qualcuno sognerà di diventare un pilota per mettere le mani sul volante della supersportiva Nissan. (m.r.)



Tags: , ,

Category: Tech World News

Leave a Reply